San Paolo

Nella primavera 1968 ad opera della Cooperativa “La Famiglia” di Brescia, fondata da padre Ottolino Marcolini dell'Ordine dei Padri Filippini si diede inizio all'attuazione nel rione Ponzella di un villaggio con casette bifamiliari, ma indipendenti tra loro. L’avvento di questo nuovo villaggio fece sentire ancor più attuale il problema di un nuovo centro parrocchiale, essendo del tutto insufficiente la chiesetta della Ponzella, che poteva accogliere al massimo un centinaio di fedeli in un quartiere periferico, che ha come asse principale via Sardegna, in forte espansione edilizia.


Proprio nel 1968, per iniziativa dell'arcivescovo cardinale Giovanni Colombo era stata costituita a Legnano una Commissione per le nuove chiese, la quale individua come primo intervento edificatorio proprio un tempio destinato al rione Ponzella. Poco dopo l'arrivo di don Fusetti come parroco della parrocchia Santi Martiri si portarono a termine le trattative per l’acquisto di un’area di 8.500 metri quadrati destinata alla realizzazione della nuova chiesa e delle relative opere parrocchiali.


Il terreno, in via Sardegna, era di fronte al costruendo villaggio Marcolini. Con l’impegno delle parrocchie dei Santi Martiri e di San Magno, che avrebbero ceduto alla costituenda parrocchia parte del territorio di loro competenza, si potè così avviare l'opera. Per evitare eccessivi costi fu prevista una costruzione in prefabbricati con strutture metalliche e lastroni di cemento armato, come soluzione provvisoria, con la chiesa al piano rialzato e il salone parrocchiale nel seminterrato. Poi invece si pensò di fare il contrario.


Con decreto arcivescovile che entrò in vigore il 15 agosto 1970, la nuova parrocchia iniziò la sua attività per il rione, avendo come luoghi di culto sussidiarie, oltre alla chiesa di Santa Maria Maddalena, la cappella di San Bernardino. La nuova chiesa, inaugurata e benedetta dal cardinale Colombo il 26 settembre, fu dedicata a San Paolo apostolo per ricordare il 50° di ordinazione sacerdotale di Papa Paolo VI, che ricorreva in quell'anno. Era intanto già in progetto un’altra chiesa sussidiaria di nuova realizzazione in via Liguria, quella di San Giovanni Battista. La nascita della nuova Comunità coincise con il 60° di fondazione della Parrocchia dei Santi Martiri. Primo parroco fu nominato don Romeo Maggioni, che era coadiutore a San Domenico.


L’edificio, di forma esagonale, è di linee architettoniche essenziali e la chiesa nel seminterrato, nata con tutti i limiti della provvisorietà, non ha opere d’arte di particolare pregio, salvo una tela di scuola senese del XIV secolo, attribuita a Matteo Di Giovanni, raffigurante la Madonnina (dono di don Romeo) e la copia di un mosaico del VI secolo d.C. che si trova a Ravenna nel Battistero degli Aviani con la più antica immagine conosciuta di San Paolo.


La comunità, che ora si trova al centro di una delle aree residenziali più giovani e in espansione della città, organizza tutte le attività necessarie a una parrocchia: dalla catechesi alle opere caritative, dai momenti di festa alla partecipazione alle questioni inerenti il quartiere.


Nel settembre 2016 la parrocchia affronta un passaggio del testimone dal parroco don Luigi Poretti al neo parroco don Fabio Biancaniello.

Parrocchia San Paolo, via Sardegna, 51 Legnano
Per informazioni, programmi, liturgie: tel. 0331.540275; sito http://www.sanpaololegnano.it/; email: parrocchia@sanpaololegnano.it

Parroco: don Fabio Biancaniello
Don Simone Seppi (pastorale giovanile)
Don Luigi Poretti
Don Patrizio Croci




I prossimi eventi in calendario

Nessun evento in calendario

Facebook
Instagram