San Pietro

 

 

Collocazione geografica

Entro la città zona nord est, delimitata all’incirca della vie colombes, ebulowa, comasina, canazza, sempione, viale cadorna , ragazzi del 99 e via neruda

Breve storia

La parrocchia è nata il 1° novembre 1972 ma affonda le sue radici negli anni precedenti al suo costituirsi come parrocchia. La sua fondazione, infatti, può considerarsi il risultato finale, e allo stesso tempo iniziale, di una presenza identificabile in un gruppo di persone che seppero, con il loro impegno di testimonianza e di missionarietà nei confronti degli abitanti del quartiere Canazza, far lievitare una coscienza di appartenenza alla comunità cristiana viva ed operante nel contesto socio-culturale del quartiere.

Questa genesi ebbe inizio quando, alla fine degli anni '60, prese fissa dimora in quartiere don Enrico Lazzaroni, allora coadiutore della Parrocchia del SS. Redentore di cui il quartiere Canazza era parte, e successivamente, primo parroco ella parrocchia S. Piretro,. Alla sua figura di guida e di pastore è da attribuirsi il ruolo determinante nello strutturarsi della Parrocchia come comunità aperta alla realtà umana del quartiere. A lui si affiancarono poi un gruppo di giovani del quartiere e di Suore Operaie, già presenti sul territorio della nuova parrocchia, e significativo fu anche l'aiuto festivo dato da don Gianluigi Panzeri.

Negli anni '72 - '73 venne edificato Centro Parrocchiale che prese il nome "San Pietro". Fin dal suo sorgere come parrocchia, la comunità si è sempre posta come obiettivo quello di essere al servizio degli "ultimi", vivendo un'accoglienza evangelizzatrice capace di far germogliare vite di fede nascoste agli occhi ma rese visibili nella testimonianza di quanto lo Spirito accolto possa operare nella quotidianità del credente.

Negli anni '76 - '77 si ebbe un forte incremento nella popolazione del quartiere che rese necessaria una nuova impostazione pastorale ed un nuovo modo di essere presenti come comunità cristiana all'interno del quartiere.

Più precisamente vennero a risiedere in quartiere 366 nuove famiglie

Nell'anno 1984 si ebbe il primo cambio della guardia della parrocchia: a don Enrico Lazzaroni succedette don Felice Carnaghi. A lui nel 1987 si affiancò, dopo la partenza delle Suore Operaie, madre Antonia Luzzana, Canossiana, che nella sua lunga permanenza (13 anni) lasciò un ricordo indelebile in generazioni di ragazze e ragazzi che seguì nel cammino di fede e nell'animazione dell'oratorio; preziosa fu la sua opera anche con i loro genitori e con gli ammalati, che seguì amorevolmente.

Nei nove anni di permanenza a Legnano come parroco di San Pietro, don Felice Carnaghi si pose sostanzialmente due obiettivi: irrobustire la vita della comunità parrocchiale e formare un laicato adulto e responsabile. Tutto questo lavoro presupponeva però una chiara e condivisa idea di chi fosse e dovesse essere il fedele laico. Su questo punto insistette "a tempo e fuori tempo", sollecitando ciascuno a prendere coscienza della propria vocazione personale e, di conseguenza, dell'approdo fattivo da dare alla vita della comunità. Durante la sua presenza si iniziò ad avere una struttura più definita della parrochia istiturndo la caritas parrocchiale, l’oratorio e il consiglio pastorale venne edificato inoltre l'attuale struttura oratoriana.

Con l'inizio del 1993 la parrocchia rivive il cambio del parroco: a don Felice Carnaghi subentra don Lucio Galbiati, che aveva già prestato il suo servizio pastorale in quanto era incaricato per la pastorale giovanile delle parrocchie s. pietro e s. paolo.

Durante il suo mandato, in parrocchia si rende sempre più evidente il disagio giovanile. La comunità sembra non riuscire più ad aggregarli.

Il 27 settembre 1998 è una data storica per la vita della comunità: il Card. Carlo Maria Martini consacra la chiesa parrocchiale, ristrutturata, intitolandola al patrono della parrocchia san Pietro apostolo.  E' anche il momento in cui la comunità si riconosce matura, capace di dotarsi di strutture rispondenti ai suoi bisogni, primo fra tutti uno spazio consacrato definitivamente al culto di Dio.

Il 1° settembre 2001 la parrocchia vive per la terza volta il cambio del parroco: a don Lucio Galbiati subentra don Gianni Cazzaniga e contemporaneamente inizia il suo servizio anche madre Assunta Ronchetti (canossiana), che affianca il nuovo parroco nella conduzione dell'oratorio e nell'organizzazione della catechesi dell'iniziazione cristiana, oltre ad occuparsi anche della visita degli ammalati.

In questi anni molto spazio viene data all'impostazione dell'aspetto educativo. Iniziano anche diversi lavori di ristrutturazione di alcune strutture/ edifici parrocchiali. Nell’anno 202 viene costituito il consiglio dell’oratorio Nell'anno pastorale 2002-2003 vengono ripensate le impostazioni dei cammini di catechesi dell'iniziazione cristiana e degli incontri rivolti ai genitori; si impostano il cammino di catechesi per gli adulti e la costituzione dei Gruppi di Ascolto della Parola.

In questi anni viene costituita l’Unita Pastorale Oltresempione con le parrocchie del Ss. redentore, Ss. Magi e S. Teresa, inizia così una collaborazione con le parrocchie Oltresempione che va oltre la pastorale giovanile (già seguita dal 1998 da don Carlo Doneda, coadiutore al Ss, Redentore).

In questi anni c’è stata l’esperienza della presenza dei seminaristi in oratorio, segno della speciale consacrazione a Dio, seguita dalla presenza di un educatore professionale.

Oggi, a partire dal 2013,  la parrocchia a è affidata alla guida di Don Sebastiano del Tredici, si continuano i cammini iniziati negli anni precedenti, si riscontra l’arrivo in parrocchia, come prassi sociale, di molte famiglie extracomunitarie con la bellezza e le problematiche dell’integrazione, su questo fronte è di aiuto la caritas parrocchiale.

Abitanti: 

Circa 3'500 (1.500 famiglie)

Sacerdoti/ clero presente in parrocchia:

 

Parroco: Don Sebastiano Del tredici

 

Sacerdote residente: Don Antonio Giovannini con incarico pastorale riguardo ai migranti e alla caritas

 

Suora Canossiana: Madre Antonia: incaricata della catechesi dell’iniziazione cristiana, dell’Oratorio e degli ammalati / terza età

Suore del carmelitane sul territorio parrocchiale è presente un convento di carmelitane (clausura)

Strutture presenti in parrocchia:

  • Chiesa
  • Oratorio

Cenni sulle principali attività comunitarie:

  • Liturgia
  • Catechesi
  • Gruppi di ascolto della parola
  • Oratorio
  • Pastorale battesimale
  • Catechesi iniziazione cristiana, preadolescenti, adolescenti
  • Mamme in gioco (mamme con neonati che si ritrovano in parrocchia)
  • Gruppi di spiritualità  familiare / incontri fidanzati in preparazione al matrimonio cristiano
  • Caritas parrocchiale
  • Missione (don Antonio)Circolo culturale don Sironi

Sul territorio parrocchiale sono presenti associazioni di volontariato sociale:

  • AVIS
  • Il fiorellone
  • ASPI
  • Spazio Incontro

 


Informazioni utili

Indirizzo: Via Girardi 28 – 20025 Legnano
Tel: 0331 595090
Email: segreteria@parrocchiacanazza.it
Sito web: www.parrocchiacanazza.it




I prossimi eventi in calendario

Nessun evento in calendario

Facebook
Instagram